Categorie
Varie

Auto incidentate, quando non si possono riparare puoi optare per la vendita

Molte sono le cause per le quali, nella vita di ciascuno di noi si può essere vittima di un sinistro con l’auto.

Con questo termine, non vogliamo riferirci ai classici graffi alla carrozzeria o ad semplice specchietto rotto, bensì parliamo di incidenti di media o alta entità che danneggiano in modo irreparabile il veicolo: si parla, in questo caso di auto incidentate.

A questo punto le strade da intraprendere sono solo due: decidere di farle riparare per continuare ad utilizzarle oppure venderle nello stato in cui si trova dopo l’incidente.

Tuttavia, la scelta non è sempre facile e a volte non si sa davvero quale strada prendere.

La risposta, sta nel mezzo, ovvero, che dipende dai casi; cerchiamo di capire meglio insieme ciò di cui stiamo parlando.

Innanzitutto, rispondere alle due domande appena poste non è per nulla semplice perché si va a toccare due punti molto delicati per chiunque: il fattore economico (cioè la spesa che si deve sostenere per riparare l’auto incidentata) e la sicurezza del mezzo (che ovviamente dovrà essere preservata durante la fase della riparazione).

Prima di passare all’analisi delle singole opzioni, facciamo un’ultima precisazione: cosa si intende per auto incidentate?

Si definisce tale, quelle autovetture che hanno subito un sinistro che include danni che devono essere riparati in carrozzeria e segnalati immediatamente nel momento in cui si decide di venderla.

Per far ciò bisogna rivolgersi a noti portali di settore come https://www.autosinistrate24.it/ formato da un team altamente specializzato che si occuperà non solo del ritiro del mezzo ma anche della vendita dello stesso il tutto in tempi rapidi.

Non tutte le auto incidentate presentano le stesse caratteristiche

auto-incidentate

Come accennato poc’anzi, dobbiamo considerare come auto incidentate tutte quelle che hanno subito un sinistro di media o grande entità.

Dobbiamo quindi escludere i graffi nella carrozzeria, varie ammaccature, danni all’impianto di illuminazione e vetri rotti.

In poche parole, diciamo che rientrano in questa categoria quelle problematiche che non richiedono una segnalazione.

Incentriamo però la nostra attenzione su sinistri ben più accentuati.

In questo caso possiamo dire che se un incidente richiede un intervento particolare, ma il telaio non è danneggiato, allora si può optare per una riparazione più semplice e talvolta con il fai da te nel proprio garage.

Inoltre, se si tratta di danni a parti che si possono svitare, come ad esempio cofano, parafanghi, portellone posteriore, paraurti e portiera, sarà ancora più un gioco da ragazzi.

Ma attenzione, se ciò avviene, conviene conservare sempre i documenti di ciò che è stato sostituito o riparato, in quanto in una futura vendita della vettura sarà più semplice informare l’acquirente.

Infine, nel caso in cui l’auto incidentata avesse subito dei danni (più o meno gravi) al telaio, la situazione è completamente diversa.

In tal caso è necessario rivolgersi ad un carrozziere professionista in grado di valutare l’entità del danno e preservare la stabilità e i sistemi di sicurezza della macchina.

Riparazione o vendita dell’auto incidentata?

auto-incidentate

A questo punto sorge una domanda: faccio riparare l’automobile o la vendo?

Dinnanzi ad auto incidentate, specialmente se si ha torto (quindi senza diritto di risarcimento dall’assicurazione) cosa si può fare?

Ripararla, venderla o ancora optare per la rottamazione?

La risposta a tutti questi quesiti non c’è, o per lo meno non è univoca.

Tutto dipende da diversi fattori, tra cui: la disponibilità economica del proprietario, lo stato generale in cui versa l’auto, l’entità del danno e dal valore generale della vettura.

Tutti questi aspetti devono essere presi in considerazione e valutati con estrema attenzione per poi prendere una decisione.

Elemento importante: la sicurezza

Prima di procedere con la decisione bisogna analizzare anche un altro aspetto, che forse è ben più importante dell’aspetto economico.

Non che i soldi non siano importanti, ma la sicurezza deve essere messa davanti a tutto.

Se un professionista ci comunica che la macchina non è più sicura dopo il sinistro, allora si può valutare un’altra via: vendere la macchina così com’è dopo l’incidente.

È vero che non si ricaverà molto a livello monetario, però può essere una buona alternativa alla rottamazione.

Se tutte le opzioni precedentemente descritte non sono fattibili, allora l’unica soluzione è quella di farla demolire da uno sfasciacarrozze che dovrà rilasciare un certificato di avvenuta demolizione.

Categorie
Varie

Cosa regalare ad una bambina di 9 anni per Natale o compleanno

Le tappe evolutive di bambini e ragazzi si susseguono sempre più rapidamente, dicono gli esperti. E se un tempo fino a 10 anni, insomma fino alla fine delle elementari, si consideravano tutti bambini, oggi le cose sono cambiate. La preadolescenza incombe, già a 9 anni. La cosa migliore da fare è prenderne atto, e assecondare i bambini nella richiesta di essere trattati “da grandi” che esprimono.

Uno dei modi di farlo è quello di offrire loro il giusto intrattenimento. Se state decidendo cosa regalare ad una bambina di 9 anni per Natale o compleanno, ricordatevi questo presupposto. Se è una bimba che a 9 anni ancora ama i giochi da più piccoli, potete magari indirizzarvi su bambole o Barbie, peluche o libri da colorare. Ma se invece sta entrando nel mondo delle ragazzine, ci vuole qualcosa di diverso, che la aiuti a riconoscere la propria unicità.

Ma esiste qualcosa di questo genere? Naturalmente sì. Per esempio, scegliete una macchina da cucire giocattolo. Giocattolo sì, perché sicura e adatta a ragazzini; ma con funzionamento reale. Insomma in grado di cucire davvero.

Cosa sono le macchine da cucire giocattolo

Un tempo in ogni casa c’era una macchina da cucire, e le bambine imparavano presto a usarla, solo vendendo mamme e nonne usarla. Poi le cose sono cambiate; i vestiti sono prét a porter, raramente si modificano o si trasformano, e così la macchina da cucire è rimasta solo nei laboratori dei sarti.

Eppure, la creatività è appannaggio di chiunque. Così oggi esistono in commercio queste macchine da cucire che permettono a tutti di imparare a imbastire un vestito. Un’ottima occasione, per esempio, per mamme e figlie di passare insieme del tempo di qualità.

La macchina da cucire giocattolo funziona con lo stesso meccanismo di base di quella per adulti. Certo, è più piccola e più leggera, quindi non aspettatevi di poter confezionare abiti o di usare stoffe pesanti. Inoltre ha un solo tipo di ago. L’obiettivo è quello di prendere dimestichezza con le basi della sartoria.

Stencil e colori per tessuti

Chi ha la passione della moda, apprezzerà colori e stencil per i tessuti. Può così trasformare la sua vecchia maglietta, oppure creare in modo unico una tshirt bianca.

Inoltre, colorando a proprio piacimento una stoffa, ecco un elemento in più per giocare con la macchina da cucire per bambini

Gioielli che passione

Un outfit non è completo se non si abbina il modello giusto. Ma ovviamente, per una bambina non si parla di gioielli veri. Permettetele anche in questo caso di crearselo da sola con i kit adatti allo scopo. Perline, strass e ciondolini da unire nel modo preferito. Basta un po’ di filo trasparente e qualche chiusura; troverete tutto nel kit.

E’ anche un’idea perfetta per una festa di compleanno. Quando lo regalate, assicuratevi che ci sia materiale per tutti le invitate. Si divertiranno un mondo a creare insieme.

Set trucchi

Se fate un regalo a una bambina che vuole sentirsi grande, un set di trucchi a base di acqua la farà felice. Potrà fare tutte le prove che vorrà. E basterà un po’ di acqua e sapone per togliere tutto.

Categorie
Varie

Tecniche di vendita telefoniche

vendita telefonicaIn cosa si distinguono le tecniche di vendita telefoniche da quelle relative alla vendita di persona? È importante stabilire quali sono le ricorrenze di una disciplina sicuramente poco strutturata e scientifica come le cosiddette “tecniche di vendita”, che però hanno ormai cento anni e sono dunque degne di affidabilità. Ricorrenze che possono essere estese ad attività di vendita supportata dalla tecnologia, come quella effettuata nei moderni call center, dove non si fa semplicemente vendita telefonica, ma si adottano una serie di metodologie strutturate e di raffinate tecnologie (dai data base per i clienti, alle postazioni automatizzate, agli script automatici che guidano il colloquio, alle analisi dei risultati sempre effettuate con metodi statistici automatizzati. Questi call center sono una realtà economica importante, sia nella versione inbound, quelli che ricevono le telefonate dai clienti bisognoso di assistenza (si pensi a quelli di Sky, o delle compagnie telefoniche per l’assistenza tecnica), sia in quella outbound, in cui cioè si chiama il cliente per una proposta commerciale, attività caratteristica di aziende come Accueil, che è leader in questo ambito.

Ebbene, quali sono dunque gli aspetti che ricorrono nelle due vendite? Faccia a faccia e telefonica? Certamente l’approccio rimane fase/chiave in tutte e due le attività. Riuscire a trovare l’attenzione del cliente e superare la sua iniziale riluttanza è cosa fondamentale. Nel caso della vendita telefonica è fondamentale studiare un sistema di approccio che risvegli subito l’attenzione dell’interlocutore, perché il rischio di un rapido abbandono è forte: tutte le carte le ha in mano chi risponde, non chi chiama. E poi, questo può essere anche un vantaggio però, c’è un solo strumento da usare: la voce, mentre quando si incontra qualcuno c’è il proprio aspetto fisico, l’atteggiamento del corpo, il sorriso che fanno da apripista per la prima impressione.

Una fase fondamentale nelle tecniche di vendita è sempre stata quella della comprensione della situazione del cliente e dei suoi bisogni; nella vendita telefonica è fondamentale anche questa parte, altrimenti si perde di vista il centro della vendita: la soddisfazione di un bisogno. È certo che in questa modalità la fase di intervista sarà concentrata su pochissimi elementi e dovrà portare subito a un passaggio alla presentazione dell’offerta.  Poi ci sono le fasi di dimostrazione e di conclusione della telefonata, e qui le cose sono caratterizzate da una capacità di efficacia e di sintesi particolari.

Categorie
Varie

Che tipo di investimenti posso fare alle Canarie?

Le Isole Canarie, oltre ad essere una fantastica meta turistica per tutti gli amanti di mare, divertimento e natura, rappresentano un punto di riferimento per gli investimenti internazionali, essendosi dotate di una struttura capace di attrarre un gran numero di imprenditori e capitali dall’estero.

 

Legittimità

 

Le Isole Canarie non rientrano nella lista nera dei cosiddetti paradisi fiscali e fanno parte a tutti gli effetti della Comunità Europea soggiaciendo alle sue leggi ed ai suoi standard.

Questi elementi rappresentano una vera e propria tutela per gli investitori e risultano spesso decisivi nella scelta del Paese dove far fruttare i propri capitali.

Non a caso la crescita e lo sviluppo delle Isole Canarie nell’ultimo decennio è vertiginosa ed è frutto di politiche lungimiranti e volte a favorire il mercato del lavoro e l’ingresso di nuovi capitali.

 

Vantaggi fiscali

 

  • Trai più considerevoli vantaggi concessi dalla politica fiscale delle Isole Canarie vi sono:
  • tassazione fino al 4% per le nuove aziende che reinvestono nell’economia del territorio (creazione di un numero minimo di posti di lavoro, investimenti medi di circa centomila euro nei primi due anni di creazione della nuova attività).
  • Assenza dell’IVA, sostituita dall’ IGIC, una tassa ordinaria che grava solo per circa il 7%.
  • Tassazione al 13,5% per beni e servizi di lusso
  • Tassazione azzerata per beni e servizi legati alla sfera della salute, alla produzione di acqua, alla realizzazione di ricerche e sviluppo e, in presenza di determinati fattori, per l’acquisizione di beni d’investimento.
  • Programmi pubblici di finanziamento per coloro i quali si adoperano nella formazione dei lavoratori di tutti i campi.

 

Campi di investimento

 

La valutazione dei numerosi punti summenzionati porta alla logica conseguenza di stabilire come estremamente favorevoli gli investimenti nel settore immobiliare (sia turistico che abitativo, senza disdegnare investimenti prettamente legati all’acquisizione di immobili aziendali), nei servizi (ristorazione, ricettività alberghiera, web), in ambito linguistico (ricezione dei turisti, redazione di progetti legati allo sviluppo ed all’attrazione di investimenti comunitari, partenariati con realtà di paesi terzi), nell’import-export (settore aiutato anche dalla vasta ed articolata rete di porti ed aeroporti), nel campo della formazione professionale (soprattutto in settori all’avanguardia come la biotecnologia, la robotica, le energie rinnovabili, la telematica, la tecnologia alimentaria e marina, la gestione ambientale).

Inoltre, le due zone franche (Gran Canaria e Tenerife) all’interno delle quali non vengono imposte tasse indirette, aiutano l’investimento per tutto ciò che riguarda la produttività: lavorazione e trasformazione (di prodotti, semi lavorati e materie prime), trasporto, stoccaggio, immagazzinamento o distribuzione di merci.

Un altro settore che la fa da padrone è sicuramente l’industria del divertimento e tutto l’indotto di cui si caratterizza, si parla quindi di locali, discoteche, bar e luoghi di ritrovo.

Da non sottovalutare anche il settore delle manutenzioni vista l’ampia rete di macchinari che coinvolgono alberghi, esercizi commerciali e turistici.

 

In buona sostanza investire e vivere alle Canarie può essere una decisione davvero capace di cambiare la vostra vita e può rappresentare una via facile e sicura per investire e far incrementare il vostro patrimonio.

Categorie
Varie

Diastasi ai retti addominali: come rimediare

I retti addominali sono una coppia di muscoli longitudinali che originano dal processo xifoideo sternale, decorrono tutto l’addome e si inseriscono sull’osso pubico, nella parte bassa anteriore del bacino.

Rappresentano la linea mediana della tartaruga e sono uniti tra loro da una fascia di tessuto connettivo chiamato linea alba o linea mediana, che decorre lungo una linea ideale che parte dallo xifoide e passando per l’ombelico, finisce sul pube.

Esistono dunque un muscolo retto addominale sinistro e uno destro. Leggi di più nella sezione salute di ecodimilano.com

 

La diastasi dei retti addominali

 

La distanza limite tra i due è considerata fisiologica fino a 2,7 cm, se i due muscoli si separano ulteriormente si parla di diastasi, più o meno accentuata e derivante da cause diverse.

Questa patologia colpisce i bambini, specialmente i prematuri e più predisposti risultano gli appartenenti al ceppo Nord Africano, oltre alle donne incinte.

Queste ultime ne vengono colpite in seguito al progressivo rigonfiamento dell’utero, dal quarto mese in poi e ad esserne colpite sono le gestanti ultra trentacinquenni, portatrici di gestazione multigemellare oppure di un feto particolarmente grande.

Negli ultimi mesi di gravidanza è addirittura possibile intravedere il nascituro, mentre è poco apprezzabile durante i primi due mesi.

 

La diagnosi

 

Sia nei neonati che nelle gestanti la diagnosi è semplice e in genere si basa su un esame obiettivo.

La diastasi si presenta sotto forma di una cresta mediana longitudinale che si sivrappone alla linea alba, cioè parte dallo sterno e passando dall’ombelico, finisce sul pube.

Nei bambini è particolarmente evidente quando tentano di sedersi; aumentando la tensione intra addominale si notano i bordi sconnessi dei due retti addominali.

 

Come rimediare

 

Normalmente si risolve senza complicanze in entrambe le categorie a rischio, con l’evolversi dello sviluppo nei bambini, dopo qualche mese dal parto per le donne.

Tuttavia raramente si rende necessaria la terapia che è prettamente chirurgica e consiste in una rettoplastica o in qualche punto di sutura che mantenga affiancati i retti in alcune gestanti, spesso donne multipare con una storia di gravidanze che hanno nel passato riproposto lo stesso problema. Qui trovi tanti altri articoli salute e benessere

 

Complicazioni

 

Le rare complicanze colpiscono solo i bambini e sono rappresentate da un’ernia ombelicale o addominale; in pratica consiste in una porzione di ansa intestinale che viene intrappolata nello spazio aperto lungo la parete addominale.

Questo fa sì che la normale peristalsi intestinale venga compromessa con comparsa di tensione peritoneale, dolore e vomito.

In alcuni casi un’ernia ombelicale può essere confusa con la laparocele (ancora più rara nei bambini) o con un’ernia epigastrica.

Il dubbio può essere sciolto solo tramite un esame ecografico.

 

Precauzioni

 

Come già esposto è raro che si verifichino complicazioni nei bambini, piuttosto con la crescita la diastasi tende a scomparire.

Lo stesso dicasi nelle donne, che al massimo nel giro di 8 settimane dal parto vedranno la sintomatologia del tutto scomparsa.

È possibile accelerare il recupero con una ginnastica di incremento del trasverso addominale; esercizi di implosione addominale.

Durante il periodo gestazionale i movimenti da evitare sono le rotazioni del busto, il trasporto di pesi, colpi di tosse violenti.

 

Fonte: Pietrocampione.it

Categorie
Varie

Come creare uno spot pubblicitario

Lo scopo di ogni attività promozionale (e quindi anche uno spot pubblicitario) è, in estrema sintesi, quello di vendere un prodotto o servizio.

Purtroppo però non sempre la vendita è un processo immediato. Non basta infatti far sapere ai potenziali clienti che un prodotto esiste, ma bisogna offrire loro delle motivazioni valide per acquistare.

Uno spot serve proprio a questo, attraverso una narrazione offre buone ragioni, a chi guarda, per acquistare un prodotto piuttosto che un altro.

Poiché siamo continuamente bombardati da messaggi pubblicitari, gli spot finiscono spesso per restare inosservati e così la loro efficacia si riduce notevolmente.

Ma come fare allora per creare pubblicità che diano buoni ritorni?

Una possibile strada è quello di seguire uno schema narrativo in cui, innanzitutto si fa in modo da attirare l’attenzione dell’utente, quindi si sviluppa una storia che, in conclusione, serva ad invogliare all’acquisto.

 

Come attirare l’attenzione

 

Per farsi notar ci sono infiniti modi, ma in uno spot non è sufficiente ricercare soltanto la visibilità del generico utente, bisogna piuttosto far sì che siano i potenziali clienti ad essere attratti dalla pubblicità.

Un metodo efficace è quello di iniziare la narrazione ponendo in evidenza una situazione che potrà poi essere risolta con il prodotto o servizio che si desidera promuovere.

In questa fase è fondamentale che lo spettatore senta sua la situazione proposta e si identifichi nei protagonisti.

Se ciò avviene, sarà automaticamente invogliato a guardare il resto della pubblicità.

 

Sviluppare la storia

 

Una volta attirata l’attenzione è importante anche mantenerla.

A questo scopo è utile realizzare uno spot che abbia forza narrativa e si imprima facilmente nella memoria dello spettatore.

Lo sviluppo può a sua volta dividersi in due fasi: la prima in cui si estremizza il problema evidenziato e porta l’utente a pensare che deve essere risolto ad ogni costo, la seconda introduce la conclusione in cui il prodotto venduto sarà “la” soluzione.

 

Concludere lo spot

 

Se nelle prime fasi non è necessario (anzi, è meglio) non nominare il prodotto sponsorizzato, nelle battute finali deve essere lui l’assoluto protagonista e l'”eroe” della storia grazie al quale tutto viene risolto.

 

Immagini, musica e parole, come utilizzarle al meglio

 

Anche in uno spot video non bisogna mai sottovalutare il potere della musica e delle parole.

Può capitare infatti che l’utente tenga acceso lo schermo, ma stia contemporaneamente svolgendo altre attività.

Musica e dialoghi attireranno quei potenziali clienti distratti nel momento in cui arriva loro il messaggio pubblicitario.

Le immagini rafforzeranno lo spot quando si avrà la piena attenzione dello spettatore.

 

La coerenza, un requisito fondamentale

 

Durante la realizzazione di spot pubblicitari di solito si sponsorizza un singolo prodotto o servizio, non bisogna dimenticare però che una singola pubblicità deve essere parte di una più ampia strategia di marketing aziendale.

A questo scopo è importante che il messaggio pubblicitario dia un’immagine del prodotto coerente rispetto a tutte le altre azioni messe in campo e sia esso stesso uno dei pilastri su cui costruire le future attività promozionali.

Categorie
Varie

Servizi offerti dall’impresa Imapulizie di Roma

IMAPULIZIE è un’impresa che opera nella zona di Roma e dintorni, in modo efficiente ed efficace nel campo delle pulizie e in vari settori.

L’impresa ha una lunga esperienza in ambito, essa offre:

per quanto riguarda il campo delle pulizie servizi di ⇒ Pulizie della casa

  • Pulizie condominiali
  • Pulizie di uffici
  • Pulizie di negozi

 

L’organizzazione dei servizi offerti

 

L’impresa può vantare di un’ottima organizzazione e di vasti servizi, che spaziano dalla pulizia domestica, che comprende anche giardini e cantine a quella di uffici e condomini.

Oltre all’attività di pulizie l’impresa si occupa di attività di volantinaggio per le attività commerciali e di sgombero di locali e di manutenzione ordinaria.

Il servizio può essere saltuario o continuato, ogni contratto lavorativo viene stabilito insieme al cliente in base alle loro necessità e viene preso in considerazione in modo rapido e sempre con molta serietà e professionalità.

 

Orari di lavoro della ditta di Roma

 

Gli orari di lavoro possono essere molto flessibili, in base alle esigenze dei propri clienti.

L’impresa è consapevole che ogni cliente è diverso e dunque che ognuno di essi ha esigenze differenti, perciò è dotata di un servizio diurno e notturno, sempre a costi sostenibili e abbordabili.

Il sevizio è tempestivo per rispettare al meglio ogni clausola contrattuale e terminare il lavoro entro i tempi stabiliti pur non compromettendo la qualità del servizio svolto.

 

Il personale dell’impresa di pulizie

 

L’impresa è dotata di un personale esperto, competente e aggiornato, sempre cordiale e operativo, che usa solo prodotti di qualità e nel completo rispetto dell’ambiente e della salute di se stesso e della propria clientela, attento alla cura di ogni minimo dettaglio e dedito al rispetto del contratto stipulato che svolge il proprio lavoro in modo impeccabile e in grado di soddisfare anche i clienti più esigenti.

Insomma è il personale ideale che ogni padrone di casa vorrebbe avere intorno a se e con cui ogni impresa vorrebbe collaborare, del quale non si potrà e vorrà più fare a meno grazie alla sua efficienza, cordialità, gentilezza e impeccabilità.

 

Come avviare la collabborazione

 

L’impresa è sempre attenta alla clientela che soddisfa in ogni sua richiesta, è aggiornata e attiva su internet, può essere contattata telefonicamente o tramite indirizzo e-mail, alla quale risponde velocemente, cordialmente, puntualmente per chiarire ogni dubbio o domanda e per fornire ogni informazione da essa richiesta e tutto ciò ovviamente senza alcun obbligo per il cliente.

L’impresa concorda con il cliente luoghi, orari, servizzi da svolgere e pagamenti.

Il cliente è libero decidere il contratto in base alle proprie esigenze e valutare il preventivo senza vincoli e naturalmente in maniera completamente gratuita e sempre nel rispetto dei vincoli della privacy e del trattamento dei dati personali per garantire ad ognuno di essi una sicura ed adeguata tutela.

 

IMAPULIZIE è l’impresa di pulizie alla quale ogni cliente vorrebbe affidarsi, puntuale, minuziosa nella cura dei dettagli, flessibile e attenta al rispettosa dell’ambiente e della salute di dipendenti e clienti della quale non si potrà e vorrà più fare a meno.

Categorie
Varie

Marche divani moderni e relativi prezzi

Da sempre, chiunque desideri arredare il proprio soggiorno deve confrontarsi con una scelta molto importante: quella del divano.

Il divano infatti, risulta spesso essere un elemento fondamentale per l’arredamento del soggiorno.

Inoltre, deve soddisfare determinati requisiti per rilassare chi lo usa ed essere davvero bello da vedere.

Negli ultimi tempi stanno acquisendo sempre più popolarità i divani moderni.

Questa tipologia viene sempre più richiesta sul mercato per il design che possiedono ed alcune caratteristiche molto particolari.

Ecco quali sono le migliori marche di divani moderni, dove poterli acquistare e quali sono i relativi prezzi.

 

I migliori brand di divani moderni

 

Come detto in precedenza, i divani moderni stanno ottenendo un grande successo sul mercato.

Per questo, è possibile acquistare divani moderni di qualsiasi marca o brand.

Tuttavia, occorre fare una selezione accurata dei divani presenti sul mercato, scegliendo accuratamente il brand e la casa di produzione.

Infatti, a volte è possibile imbattersi in marchi che offrono prezzi esclusivi per i propri divani, ma che si dimostrano scadenti dal punto di vista dei materiali impiegati per la realizzazione di quest’ultimi.

Dunque, se si vuole acquistare un divano moderno è bene puntare su marchi di caratura internazionale come ad esempio Minotti, Living Divani, Chateau D’Ax, Divani e Divani e Poliform.

Scegliere divani moderni prodotti da questi marchi significa scegliere la qualità assicurata al cento per cento.

Un ulteriore consiglio nella scelta dei divani, riguarda la provenienza dei materiali; se possibile, è bene scegliere sempre un marchio Made In Italy che offre più garanzie e sicurezze rispetto ad altri.

 

Dove acquistare divani moderni?

 

Molti dei marchi di divani moderni citati prima possiedono negozi specializzati dove è possibile visionare decine di collezioni diverse per poi procedere all’acquisto.

È possibile acquistare divani moderni anche nelle catene di grandi magazzini o in appositi mega-store che forniscono mobili e materiali per l’arredamento.

Infine, per gli appassionati della tecnologia, è possibile procedere all’acquisto di divani attraverso il mondo del web con diversi shop online specializzati in questo settore.

È opportuno precisare però, di prestare attenzione ogni qualvolta si effettuano acquisti sul web procedendo alla compera con discreta cautela.

 

Quali sono i prezzi dei divani moderni?

 

I prezzi dei divani moderni possono variare a seconda di diversi fattori.

In primo luogo, il modello di un divano può aumentare o diminuire il suo valore; ad esempio, un divano moderno di ultima generazione può arrivare ad avere un costo pari a 2000 euro.

Un divano moderno di bello stile ma magari di una collezione più vecchia invece, può avere un valore che oscilla tra gli 800 ed i 900 euro.

Generalmente comunque, il prezzo medio dei divani moderni si aggira intorno ai 1200-1500 euro.

Si ricorda infine, che il prezzo del divano può variare a seconda della qualità dei tessuti o a seconda della popolarità del marchio.

 

Fonte: arredamentointerniveneto.com

Categorie
Varie

Come ho vinto un iphone su bidoo.com

Bidoo.com è un sito di aste online, il più affidabile e sicuro presente in rete.

La registrazione è gratuita e, confermando il proprio account e associandolo ad un profilo Facebook, è possibile ottenere dieci puntate gratuite, più due per ogni amico che si iscriverà grazie al vostro passaparola.

Inoltre è possibile acquistare pacchetti di puntate attraverso pagamenti sicuri al 100%.

Il catalogo di articoli presenti sul sito è vasto e piuttosto invitante.

Non solo cellulari, fotocamere e prodotti di elettronica, ma anche elettrodomestici, articoli per la casa, buoni regalo di grandi aziende e molto altro, a prezzi molto convenienti che, ad asta conclusa, saranno recapitati direttamente a casa vostra in sole 48 ore.

Il funzionamento è molto semplice. Scegliete una o più aste a cui partecipare.

Ogni asta parte dal prezzo di 0,01 € e le puntate non possono che rilanciare della stessa somma.

Va da se che, di centesimo in centesimo, il prezzo dei prodotti lievita così lentamente che, a fronte della qualità dei prodotti proposti, i cui prezzi ammontano a centinaia di euro, è sempre irrisorio e veramente conveniente.

Allo scadere del tempo previsto per la vendita, l’account che ha fatto l’ultima offerta si aggiudica il prodotto, garantito al cento per cento.

 

La mia esperienza

 

L’affidabilità di Bidoo.com posso testimoniarla in prima persona e ho deciso, avendo vinto un Iphone 7 con sole dieci puntate, di condividere la mia esperienza con tutti coloro che non amano lasciarsi sfuggire l’occasione di risparmiare dei soldi e concedersi dei prodotti di alta qualità.

Circa un anno fa venni a conoscenza dell’esistenza di Bidoo.com.

Ad un primo sguardo il sito appariva affidabile, sicuro e professionale, ma nonostante ciò, decisi di muovermi con cautela per non incappare nelle solite truffe del web.

Effettuata la conferma dell’account avevo a disposizione dieci puntate gratuite e, solo grazie a quelle, sono riuscito ad aggiudicarmi un Iphone 7 al prezzo di 2,47 €, perfettamente funzionante e imballato, all’interno del suo scatolo originale e dotato di tutti gli accessori di serie presenti al suo interno.

A distanza di un anno il cellulare funziona perfettamente, come se l’avessi acquistato in un comune centro di telefonia, con la differenza di un risparmio di oltre 500 € sulle aste per telefoni!

 

La convenienza non si abbandona

 

In seguito alla mia fortunata e, ovviamente, più che positiva esperienza, ho deciso di continuare ad utilizzare Bidoo.com acquistando pacchetti di puntate e ricevendo puntate gratis dalle iscrizioni dei miei amici e parenti che, vedendo la facilità con cui, con un pizzico di astuzia e di buona fortuna, è possibile risparmiare cifre a dir poco esorbitanti, hanno iniziato ad usarlo e, molti di loro, aggiudicandosi non pochi articoli.

 

Perché condividere un esperienza

 

Condivido la mia esperienza con voi poiché, all’interno del mare magnum dei siti web, la probabilità di incappare in truffe e raggiri è piuttosto alta e, per questo motivo, in molti, spinti dalla paura e da una sacrosanta prudenza, si lasciano sfuggire occasioni e opportunità che, se ben sfruttate, possono veramente fare comodo.

Mi sono accorto che la rete è, infatti, piena di utenti del sito che, mossi dall’entusiasmo della vincita e dal sentimento di condivisione, recensiscono i prodotti ricevuti in articoli e filmati su Youtube. E tu? Cosa aspetti ad unirti a noi?

Categorie
Varie

Quali sono i fattori da considerare quando si impermeabilizza casa?

Ci sono moltissimi fattori per cui si decide di passare all’impermeabilizzazione della casa. È necessario compiere questi lavori per poter evitare qualsiasi problema dal punto di vista delle infiltrazioni: la presenza di acqua potrebbe portare a problemi relativi alla manutenzione. Ma non solo: la presenza di varie muffe potrebbe portare ad uno stato di salute più cagionevole, dunque è necessario vivere, ma soprattutto dormire, in un ambiente più asciutto. Prima di iniziare i lavori, però, è necessario considerare diversi fattori: in questo modo sarà possibile iniziare i lavori nel modo giusto, senza nessun tipo di problema.

Quali sono i fattori da considerare quando si impermeabilizza casa?

Come abbiamo già evidenziato, quando si decide di fare i lavori non bisogna solo scegliere i prodotti impermeabilizzanti proposti dalle ditte specializzate come la Tecsitsystem. È assolutamente necessario fare diverse considerazioni: ecco come procedere prima di cominciare a ristrutturare casa.

  • Considera il luogo in cui vivi. Questo fattore può sembrare superfluo, ma invece è molto importante da considerare, soprattutto se parliamo di impermeabilizzazione. Una zona umida, soggetta a molte precipitazioni durante l’anno, rischia di portare maggiori infiltrazioni. Proprio per questo motivo è assolutamente necessario capire come effettuare i lavori, ma soprattutto come effettuarli. Sicuramente una zona umida e meno asciutta è più propensa alle infiltrazioni di acqua.
  • Decidi se vuoi impermeabilizzare tutta casa o solo una parte. Anche questo fattore è molto importante. Ci sono molte stanze che non hanno bisogno di essere impermeabilizzate e molte altre più umide, le quali necessitano di un intervento massiccio. La scelta di iniziare i lavori è fondamentale in qu3esto frangente, proprio perché una stanza ha più bisogno di un’altra di essere impermeabilizzata. La valutazione deve essere oggettiva e deve essere effettuata dagli esperti del settore, altrimenti si rischia di dover avere dei lavori che possono servire di meno rispetto ad altri.
  • Chiedi consiglio ad un esperto. Farsi consigliare è pur sempre un ottimo aiuto, sopratutto in questi casi. Bisogna sempre affidarsi ad esperti del settore per poter avere un prodotto qualitativamente migliore, ma soprattutto per poter compiere delle valutazioni oggettivi. In questo caso verrà fatto un sopralluogo proprio per poter avere una maggiore consapevolezza dei lavori da poter effettuare su tutta la casa.
  • È importante impermeabilizzare casa. Questo non bisogna mai dimenticarlo, soprattutto nella scelta. Un miglior microclima, un miglior modo di poter avere una vita sana: bisogna eliminare tute le infiltrazioni, soprattutto per quanto riguarda l’umidità che può fermarsi. Altrimenti si rischia di avere più problemi, sia dal punto di vista fisico ma anche dal punto di visto dell’usura dei materiali. La manutenzione gioca un ruolo fondamentale.